domenica 21 dicembre 2008

Così la piantate.


Un gol di Terrooney (un Lord alla Cassano, in pratica, ma un po' più bravo a fare i rutti dopo una ricarica di birra scura) ha messo fine al noioso refrain di Ponzio Pelato sul Milan campione del mondo, issando il Manchester United di Sir Alex Ferguson in cima al mondo.
Proprio quell' Alex Ferguson che, alcune settimane fa, aveva detto di non avere mai incontrato, durante la sua permanenza sulla panchina dei Diavoli Rossi che dura da soli ventidue anni, una squadra più forte della Juventus di Marcello Lippi. La Juventus tutta truffe e doping, secondo le eruttazioni di certe menti oneste del nostro Bel Paese.
E a proposito di onestà, fa un certo piacere prendersi i tre punti a Bergamo aprendo le marcature con un'azione viziata da un fuorigioco bello tondo di Marchionni emulando gli esauriti in quel di Siena, ieri sera all'85° minuto. Vergognatevi, Onestoni!
Sì, perché quando a rubare sono i ladri, non vedo quale sia il problema, quale sia la novità. Ma se a rubare sono gli Onesti, quelli che "ho perso tante bolte cossì e non mi sono mai lamentato, ma ho lavorato sodo, semmai" (Zanetti dixit), allora non ci siamo proprio. E poi, se permettete, sentire Xavier Zanetti dire che non si è mai lamentato fa lo stesso effetto di una passeggiata sulla neve dopo nove fette di anguria: ben che vada ci si piscia addosso.
La solita menzione a parte la merita Er mister der Testaccio, che in conferenza stampa ha rassicurato tutti sul fatto che oggi la sudditanza psicologica degli arbitri verso le grandi non sia nemmeno paragonabile a quella di un tempo. "Una volta lo dicevo anch'io, ma oggi le grandi non ricevono più vantaggi in serie a scapito delle piccole". Sarà, ma io noto che fra ieri e oggi la Juve e l'Inter hanno vinto beneficiando di due fuorigioco da rotella metrica, e a prenderlo in quel posto sono state Atalanta e Siena. L'unica attenuante per Ranieri è che lui, in effetti, non ha ancora ben capito quali siano le grandi squadre e quali le piccole, quindi lasciamo stare. Non lo fa apposta, almeno lui.
Adesso si va tutti a casa, sperando di non soffocarsi col panettone (noi comuni mortali) o il Cuba Libre (certi sudamericani dell'Inter) prima di riuscire a vedere come sarà l'anno nuovo: se ancora all'insegna del calcio pulito, dei sorrisi ebeti e delle stupidaggini, o se piuttosto segnerà l'inizio di un percorso inverso, orientato a riportare almeno qualche pezzo di verità dove è giusto che stia.
Noi di Ju29ro.com, nel nostro piccolo, ci proveremo di sicuro, come abbiamo sempre fatto. A partire proprio da domani, con l'intervista all'avvocato Prioreschi, che se non fosse schierato dalla parte sbagliata finirebbe per mandare a gambe all'aria tante persone ridicole insieme alle loro follie come nemmeno un terremoto riuscirebbe a fare.

A domani, allora. Onesti compresi.


Clicca sul pulsante qui a lato per votare questo articolo

17 commenti:

valepiùdiunpicassolamagliasporcadiberce ha detto...

Lunga,lunghissima vita al Trillo.
Buon Natale e che l'anno nuovo porti con sè almeno un pò di verità.
Beppe

Antonio ha detto...

Auguri Trillo passa un buon natale e continua così con i tuoi fantastici articoli :) io invece dovrò andare a lottare contro un interista frustrato ma di quelli casi disperati, sta ancora parlando di come l'inter abbia annichilito la Juventus a S.Siro non so se lo conosci si chiama Lexatus se vuoi ti posto il sito ma ti rovineresti solamente il natale :D ciao ciao

marco99 ha detto...

ora mi aspetto un altro regalo da parte del manchester... eheh spero che a febbraio rompano il deretano al petroliere

Trillo ha detto...

Auguri anche a voi, rancorosi che non siete altro.

Anonimo ha detto...

Con un presidente dalla semantica frasale vacua e per giunta amico degli "onesti", un direttore sportivo, il migliore fra i "pivellini", un amministratore delegato + direttore generale ad "interim", dotato di "processore calcistico" Pentium Zero, credo non si possa avere la pretesa di scalare anche una qualsiasi modesta "COLLINA".

Un DOVERE denunciare in questo spazio, grazie alla gentile concessione del suo TITOLARE, le offese al "pudore sportivo", commissionate, da faziose emittenti mass-mediatiche, a "stressati" commentatori dagli evidenti strabismi, molto SPESSO pro-qualcuno e VOLENTIERI anti-juventini.

Un AUGURIO a tutti per le prossime festività, ed un rigraziamento particolare per l'AUTORE di questo
libero BLOG.

Uno JUVENTINO INDOMITO

Anonimo ha detto...

in riferimento alle partite di sabto e domenica ed all'errore del guardalinee Griselli in Siena-Inter volevo segnalare l'articolo su corriere.it di un certo Fabio Monti... per farla breve l'arguta penna lascia intendere che Griselli abbia sbagliato apposta in quanto, essendo imputato a Napoli per calciopoli, vorrebbe far vedere che sbagliare è umano... insomma l'errore pro inter è colpa di calciopoli (e di Moggi quindi)
ormai non hanno più pudore alcuno...

Scirea ha detto...

Auguri a tutti.
del vomito di porco che i pennivendoli italioti stanno riversando tanto per cambiare su di noi preferisco non curarmi.

faby ha detto...

auguri a tutti, ovviamente prima di tutti a te grande trillo.
volevo segnalare solo una cosa ai dirigenti della società SOLAre.
il vostro obiettivo, da quando c'avete fatto il dispiacere di presentarvi ai nostri occhi, era di diventare una spocietà simpatica, oltre a portare avanti il "progetto" naturalmente.
ebbene, avete fallito anche in questo; perchè siete usciti dallo stadio di bergamo al coro "sapete solo rubare"...esattamente come quella "banda di truffatori".
caro presidente rinascente, noi rancorosi di serie c ci siamo abituati, ma voi non potete macchiarvi di questo crimine...
sennò sareste uguali a "quelli là"...

Anonimo ha detto...

Da una sintesi generale dei temi principali in discussione nel BLOG, dalla FARSA alle SCENEGGIATE televisive a cadenza domenicale, si evince il tentativo evidente, ideato da una scaltra regia mass-mediatica, di dettare i tempi di una comunicazione intrisa, a tutti i livelli, di velenosi messaggi di "manipolazione mentale" collettiva.

"INTER-CETTARE", per dare in pasto "alcuni" dei sui frutti più mistificati a tifoserie affamate di risultati VINCENTI, arenatisi nelle paludi del GIURASSICO, per risollevare nel contempo animi seppeliti da uno "strato" di depressione cronica,
è come la denominazione che si dà ad un'opera d'arte che non nasca direttamente dalle proprie virtù intellettuali.

"Qualcuno" delle più titolate voci di informazione "anti-triade" dovrebbe gentilmente convicermi
che non esiste differenza fra le comunicazioni a 1/2 schede telefoniche, intercorse tra rappresentanti delle società di calcio più disparate, ed organi di governo arbitrale, e quelle fatte a 1/2 stampa o emittenti radio-televisive fatte da responsabili primari di settori societari.

Quando dirigenti di società, tecnici o addirittura facenti veci di PRESIDENZA, si permettono di lanciare accuse più o meno velate, per presunti torti, di fronte a platee mediatiche vaste ed eterogenee, se permettete una grossa differenza, rispetto a quanto sopra esposto c'è, e a mio modesto modo di ragionare, il suo "onesto" nome, può essere solo PLAGIO.

Uno JUVENTINO INDOMITO

Trillo ha detto...

Certo, caro JUVENTINO INDOMITO, e il bello sai qual è? Che i simpatici e solari presidenti Cobolli & Gigli furono i più sfacciati, l'anno scorso, a cavalcare questo malcostume.
Con la ridicola letterina a Gussoni e Abete, non "istituzionalizzarono" forse ciò di cui viene accusato Moggi (e che facevano TUTTI, compresi i Santi), vale a dire il lamento nei confronti dei vertici arbitrali e federali allo scopo di ottenere maggiore attenzione per la propria squadra?
E allora di cosa parlano oggi tutti questi tromboni quando dicono che il calcio è cambiato in meglio?

Anonimo ha detto...

TRILLO il tuo acume e le tue capacità di sintesi, sono il suggello al giudizio sulle "scelleratezze", scritte e parlate, di gran parte degli pseudo-giornalisti sportivi, della cui opera, di disinformazione ideologica e condizionamento demagogico, siamo afflitti da qualche tempo in ITALIA.

Ringraziamenti sinceri per i tuoi riscontri

JUVENTINO INDOMITO

Anonimo ha detto...

Un sincero augurio di buone feste al nostro grande Trillo e a tutti gli amici bianconeri (specialmente quelli "rancorosi").
Leggere i vostri commenti quotidiani rendono le mie giornate meno grigie e specialmente la sottile ironia del Trillo, infonde buonumore a palate:)
Saluti fraterni. Fulvio.

Lego ha detto...

Trillo

dai, sai anche tu che una critica pubblica non è esattamente la stessa cosa di una conversazione privata.

magari su una SIM svizzera, per esser certi della segretezza....

buon natale! :)

Trillo ha detto...

Sulle SIM svizzere non so perché ma tendo a credere di più a un avvocato il quale, in qualità di difensore di un imputato al processo di Napoli, afferma che si tratta sostanzialmente di puttanate (e l'avvocato lo afferma dopo aver letto le carte del processo, se non ti dispiace), piuttosto che ai forcaioli della stampa e della televisione di regime, preoccupati solo di convincere tutti che il calcio di oggi, pieno zeppo di orrori arbitrali come mai era accaduto in passato, è frutto esclusivamente dell'imponderabile fallibilità dell'uomo.
E poi le telefonate fra i dirigenti (tutti, lo ribadisco io e lo dimostrano le intercettazioni della procura di Torino dove compariva anche il Simon Templar Facchetti, prima che gli Auricchioni si mettessero a intercettare trasgredendo le procedure come afferma Prioreschi, leggiti l'intervista) e i designatori avvenivano su utenze normalissime, tanto è vero che ci sono montagne di intercettazioni a dimostrarlo. Con due piccoli particolari:
1. Chiamare i designatori ai tempi di calciopoli NON era proibito dai regolamenti.
2. Prove di illeciti NON CE NE SONO.
Siete snervanti, ma alla fine arriverete a capire questi concetti elementari anche voi tifosi della feccia, fogna putrescente del calcio mondiale. (cit) :-))

Anonimo ha detto...

Permettetemi, da non addetto ai lavori, a conforto di tanti dubbi legittimi, di esprimere un parere legale, moralmente risarcitorio, nei confronti di PRESUNTI colpevoli e vittime REALI, del processo FARSA denominato
"CALCIOPOLI".

Credo possa venirci in soccorso, il fondamento del DIRITTO PENALE, derivato dal DIRITTO ROMANO, che recita “Nullum crimen s(IN)e leges”…

Tutti daccordo sull’articolo del regolamento sportivo che enuncia principi di LEALTA’ e PROBITA’, “trasgredito” da rappresentanti di TUTTE le MAGGIORI gestioni societarie,
tenendo conto che le "INTER-CETTAZIONI" violano norme sulla privacy e non gli "INTER-CETTATI", chiedo in questo pubblico BLOG qual’è stata la VALENZA giuridica, di quanto vado ad esporre...

C’è GIUSTIZIA, sotto qualsiasi forma e qualsiasi bandiera e secondo il parere di un ipotetico FORUM di giuristi , nel condannare all’”INFERNO” e alla conseguente “DECIMAZIONE” una squadra di calcio, per la sola presunzione, MAI COMPROVATA DA PROVE DOCUMENTALI, del reato di FRODE in COMPETIZIONE SPORTIVA ???

Ribadisco che, permettete la trasgressione, traducendo la citazione latina in “NESSUN CRIMINE IN OSSERVANZA DI LEGGE VIGENTE” e “consecutio temporum” NESSUNA condanna sancita per “FLAGRANZA di REATO", qualsiasi ASSUNTO ARBITRARIO è parte di una cultura giuridica che NON ci appartine, nè come tradizione classica, tantomeno come genere umano.

Perdonate la mia insolenza, ma conosco solo questa “forma” di raziocinio …

Ad Maiora

JUVENTINO INDOMITO

Antonio ha detto...

Trillo...dopo la tua risposta a Lego...io ti voglio Presidente della Juventus!!!!!

Anonimo ha detto...

La ringrazio per Blog intiresny