venerdì 7 settembre 2007

La Riunione informale.


GABETTI: Bene, Signori… La ragione di questo nostro incontro informale, sollecitatomi dall’Ingegner Elkann, non mi è ancora del tutto chiara, sinceramente. In ogni caso, in qualità di responsabile morale del suo graduale insediamento ai vertici della grande famiglia economico finanziaria da me oggi orgogliosamente presieduta, ho ritenuto di dovere accogliere il suo invito, se non altro per la grande stima che mi…

MONTEZEMOLO: Dacci un taglio Gigi. Ho una riunione a Maranello tra meno di due ore.

GABETTI: Sì… Scusa Luca.

MONTEZEMOLO: Ma ti pare?

GABETTI: Dunque… Nonostante la natura riservata ed informale di questo nostro incontro, voglio dare il benvenuto a tutti i partecipanti, i quali con la loro presenza qui oggi dimostrano una volta di più quanto sia forte il legame di ognuno di loro con la nostra grande famiglia: benvenuti all’Ingegner Elkann, a suo fratello Lapo, al Dottor Montezemolo, all’Avvocato Grande Stevens che non ha potuto raggiungerci ma è come se fosse insieme a noi e vi saluta tanto tanto, al presidente Cobolli Gigli, al Dottor Blanc, a tutti coloro, insomma, che non si tirano indietro ogni qualvolta ci sia la necessità di…

MONTEZEMOLO: Gigi, hai rotto i coglioni. Di cosa siamo venuti a parlare, si può sapere?

GABETTI: Sì… Scusa Luca.

MONTEZEMOLO: Ma ti pare?

GABETTI: Non voglio farti perdere altro tempo Luca, però… Scusa, Yaki… non mi avevi detto che doveva venire anche tuo cugino Andrea?

MONTEZEMOLO: Chi!?

YAKI: Ehm… sì… cioè… è per via della cosa che dovevo…

MONTEZEMOLO: Sei impazzito? Da quando ti prendi queste libertà? Chi ti ha dato il permesso di far venire quella gran testa di…

GABETTI: Luca, ti prego… calmati un momento…

MONTEZEMOLO: Calmarmi? Anziché andare avanti qui si va indietro? Mi sembrava di essere stato chiaro! Chi è dentro è dentro. Chi è fuori è fuori. E non si torna su questo discorso… ci siamo capiti?

YAKI: No, Luca… è chiarissimo il tuo discorso, ci mancherebbe…

MONTEZEMOLO: Non mi sembra chiarissimo. Tu non hai capito, bello… Se io mi incaz…

GABETTI: Luca, ti prego…

MONTEZEMOLO: (con gli occhi spiritati, silenzio) …

GABETTI: Yaki, spiegaci la ragione di questa riunione, per favore… Mi ha accennato qualcosa Lapo, ma non credo di aver capito bene cosa sia succ…

YAKI: (rivolto a suo fratello) Cosa?… Lapo! Ti avevo detto di stare zitto testa di… Lapo che fai, dormi?

LAPO: (con gli occhi chiusi, dondolando con la testa a destra e sinistra) You don't have to be rich to be my girl… You don't have to be cool to rule my world... Ain't no particular sign I'm more compatible with... I just want your extra time and your . . . . . kiss

YAKI: (urlando) Lapo!!!

LAPO: Eh?! Sì… Cosa?

YAKI: Per favore Lapo… Potresti spegnere l’iPod… grazie?

LAPO: Oh yes, brother… Salve ragazzi! Wow! Che rimpatriata! Gimme five guys! Riunione in grande style… non so se mi spiego…

MONTEZEMOLO: (rivolgendosi a Yaki) Fallo tacere o gli tiro un calcio nelle pal...

GABETTI: Luca ti prego… calma… Yaki, qual è il problema? Come mai siamo qui oggi?

YAKI: (guardando Lapo in cagnesco) Lo so che potrà sembrarvi strano… Il fatto è che qualche tempo fa ho ricevuto una telefonata e…

MONTEZEMOLO: Ecco bravo, a proposito… Ti dispiacerebbe tenerlo acceso quel cazzo di cellulare? E’ da un mese che quando ho bisogno di parlarti non sei raggiungibile. Cosa c’è, hai paura del telefono?

YAKI: (silenzio)…

LAPO: Oh no! Adesso si ricaga addosso un’altra volta! Aprite le finestre my friends o ci tocca scappare come lepri attraverso i camp…

YAKI: (scagliandosi contro Lapo) Te la tappo a pugni quella bocca, brutto pezzo di m…

GABETTI: (cercando di tenere Yaki per la giacca) Basta ragazzi, insomma! Piantatela!

YAKI: Ok… ok… chiedo scusa a tutti…

LAPO: No problem brother… sai a volte anche a me capita di perdere le staffe ma ci vuole un certo self-control, per mantenere un certo underst…

YAKI: Tu tappati quella bocca! Ho chiesto scusa a loro… con te ne riparliamo a casa più tardi…

MONTEZEMOLO: Ho una riunione tra… un’ora e mezza, a questo punto… Non ditemi che ho spostato i miei impegni per venire qui a sentire questi due mocciosi che si beccano come galline isteriche. Avete una pallida idea di quali e quanti impegni debba onorare io? Ogni santo giorno?

GABETTI: Calmati Luca, non essere così nervoso… io capisco bene che…

MONTEZEMOLO: Calmati un cazzo! Finiscila di dirmi di calmarmi! Non sono affatto agitato! Ho la Confindustria che mi fa continuamente pressioni, la Fiat… non credo di dovervi spiegare nulla sulla Fiat, vero Gigi?

GABETTI: Ci mancherebbe Luca… non è certo questa la sede più…

MONTEZEMOLO: Appunto… sulla Fiat lasciamo perdere…

GABETTI: Certo Luca…

MONTEZEMOLO: (con una smorfia melodrammatica) Ho la Ferrari… la mia amata Ferrari.. la mia adorata Ferrari… che viene impunemente spiata come si fa con i terroristi! Stuprata nella sua purezza da una… manica di inglesi ubriaconi… puzzolenti grassi e pedofili!!!… Che non sarebbero in grado nemmeno di andare in bicicletta se non…

GABETTI: Luca ti prego… calmati un pochino… sei diventato rossissimo…

MONTEZEMOLO: Sono calmo!

LAPO: Chi ha stuprato i pedofili? Un ubriaco, my friend?

MONTEZEMOLO: (accennando uno scatto verso Lapo con i pugni chiusi) Ma porc… Se non la finisci di…

GABETTI: Luca calmati, ti prego…

MONTEZEMOLO: (sistemandosi il ciuffo) Allora… qualcuno si degna di dirmi perché siamo qui?

YAKI: Dunque… è per via di… una telefonata che ho ricevuto… come stavo dicendo prima…

MONTEZEMOLO: E allora?

GABETTI: Luca, abbi pazienza un momento… lasciagli spiegare…

YAKI: Sì… certo… ecco, avrei pensato di fare un momento il punto della situazione per quanto riguarda la… appunto la… situazione della Juventus… per capire se c’è una possibilità per…

MONTEZEMOLO: Non posso credere alle mie orecchie! Ancora con ‘sta storia? Hanno chiesto. Abbiamo dato. Fine. Che si fottano adesso, mica posso preoccuparmi anche della Juventus, io. Non ho voglia di dover ripetere mille volte le stess…

YAKI: Veramente noi come famiglia abbiamo dato ma…

MONTEZEMOLO: Svegliati! Non parlavo di voi né di quei quattro rompicoglioni di esagitati da stadio… Ci hanno chiesto e noi abbiamo dato. Hai dormito in quest’ultimo anno e mezzo, Yaki?


YAKI: No, no… lo so… è che le cose potrebbero camb…

MONTEZEMOLO: Chiesto. Dato. Stop.

BLANC: Scusi se mi permetto, ma non mi pare la giusta modo di…

MONTEZEMOLO: E questo chi è, l’ispettore Clouseau? Ma come parla?

GABETTI: E’ monsieur Blanc, Luca… è l’amministratore delegato della Juventus…

MONTEZEMOLO: Ma che ti vuoi amministrare, Sanbittèr… Quando c’eravamo io e Bendoni… quella era roba seria… altro che Giraudo e company…

BLANC: (bisbigliando all’orecchio di Cobolli) Non ho capito bene…

COBOLLI: (rivolto a Blanc) Niente, niente… ha detto che hai ragione…

BLANC: Ah… voilà…

GABETTI : Quale sarebbe il problema, Yaki ? Cosa dobbiamo vedere sulla Juventus ancora?

YAKI: Mah… così… riflettendoci bene mi è venuta l’idea di… riconsiderare un pochino la situazione… per evitare che magari qualcuno possa prendere male l’attuale assetto societario e sportivo per… così per come li abbiamo modificati…

MONTEZEMOLO: Yaki hai fatto serata con tuo fratello ieri?

YAKI: Come?

MONTEZEMOLO: Mi sembri ubriaco. Chi dovrebbe prendere male che cosa?

YAKI: Ma no… così… pensandoci bene mi sono venuti alcuni dubbi… per esempio sulle scelt…

MONTEZEMOLO: Senti, i dubbi non fanno parte dei tuoi compiti. E tu, Gigi, dovresti incominciare ad essere chiaro su questo, con il ragazzo.

GABETTI: Certo, Luca.

MONTEZEMOLO: Tuo nonno aveva la passione della Juventus? Bene, il capo era lui e non si discuteva. Punto. Però oggi…

YAKI: Ecco… il punto è proprio que…

MONTEZEMOLO: Non mi interrompere.

YAKI: (silenzio)…

MONTEZEMOLO: Oggi le cose sono un po’ cambiate. Abbiamo altri interessi, altri amici che ci vogliono bene… Pensa che sarebbero lieti addirittura di averci insieme a loro nel salotto buono…

YAKI: (silenzio)…

MONTEZEMOLO: Parlo dei Della Valle, dei Tronchetti Provera, dei Moratti, dei…

LAPO: Wow man!!! Hai detto Moratti? He’s OK! My commercial partner... ho avuto un’idea da paura, guys!

MONTEZEMOLO: (guardandolo malissimo) Ti ho già detto…

LAPO: Come sei incazzoso, Lucky Luke… ok, ok… sto zitto…

MONTEZEMOLO: Direi che la riunione ha dato i suoi frutti, no? Siamo tutti d’accordo… democraticamente abbiamo deciso che va tutto benissimo così com’è… Altro da aggiungere?

YAKI: (silenzio)…

LAPO: (silenzio)…

BLANC: (bisbigliando all’orecchio di Cobolli) Che ha detto?

COBOLLI: (rivolto a Blanc) Che va tutto bene, è tutto a posto.

BLANC: Ah... voilà…

GABETTI : Certo, Luca... Prima di congedare i nostri illustrissimi colleghi e amici, una cosa non ho capito bene… Scusa, Yaki… di che telef…

Nella stanza, squilla il telefono.

DRIIIN!

GABETTI: Pronto?

…: (silenzio)…

GABETTI: Si sente malissimo… con chi vuole parlare, scusi?

…: (silenzio)…

GABETTI: Un attimo, prego… Yaki, c’è un signore che vuole parlare con te, non ho capito chi è…

YAKI: (sbiancando di colpo) BURP…BUR… BLEAAARGH!!!

GABETTI: Yaki, ma che hai?

LAPO: Sei un bastardo, Yaki! Guarda cosa hai…

MONTEZEMOLO: Per la miseria… che schifo!

GABETTI: Lapo, smettila! Non vedi che sta male?

LAPO: Ma uffa! Mi ha vomitato sul portatile in carbonio!

BLANC: (bisbigliando all’orecchio di Cobolli) Che ha fatto?

COBOLLI: Che ha fatto… che ha fatto… suvvia Jean Claude… ha vomitato, non lo vedi?

BLANC: Ah… voilà…

MONTEZEMOLO : Lapo! Avevo visto giusto allora... Hai portato tuo fratello a fare baldoria da qualche parte ieri sera? Fumato strano?

LAPO: No! Non sono nemmeno uscito ieri… sto lavorando ad un grande progetto sai… Non ho tempo per le stupidaggini…

GABETTI: Lapo, finiscila… anche la mia pazienza ha un limite…

LAPO: (silenzio)…

GABETTI: Vieni, Yaki… andiamo fuori a prendere una boccata d’aria…

MONTEZEMOLO: A questo punto posso anche andare, mi viene tardi per la riunione a Maranello… Lapo, che te ne pare delle mie nuove TOD’S?

LAPO: Mmh… beh… sì… carine…

MONTEZEMOLO: Carine? Ma che cazzo dici… sono scarpe per gente fica queste… ma che ne vuoi capire tu…

LAPO: Ah sì?… Mi hai cercato e mi hai trovato, man!

MONTEZEMOLO: Come?

LAPO: (tirando fuori un arnese dalla tasca dei pantaloni) Beccati questo, sapientone! Guarda qua… be shocked my friend! Restaci di merda! E questo è ancora un prototipo… non so se mi spiego…

MONTEZEMOLO: Beh? Credi che non abbia mai visto un cellulare?

LAPO: Wake up Lucky Luke! Alzati o arrivi tardi all’appuntamento con la storia… Get down baby! Dacci dentro se vuoi godere! Cellulare? Ma tu sei fuori come un satellite… te lo dico io…

MONTEZEMOLO: Non ti allargare… mi stai facendo girare le p…

LAPO: Questo è il SURVIVALPHONE, baby… Ne ho parlato a Massimo… sai, l’ecologista di Milano… mi ha detto che gli può interessare… deve sentire anche Gino Strada per un parere…

MONTEZEMOLO: Cosa?

LAPO: Guarda qua… doppio uso… SURVIVALPHONE… telefono multifunzione specifico per il mercato mediorientale…

MONTEZEMOLO: Ma che cazzo dici? Hai ripreso a… viaggiare? Ci sei?

LAPO: Il telefono della sopravvivenza… tutto in carbonio, ovviamente… dual band… o meglio… dual function… da paura!

MONTEZEMOLO: (guardandolo allibito) Eh?

LAPO: Lo vendi sia ai soldati che agli ostaggi… Attento bene Lucky Luke… Mode 1 on / Mode 2 off… il telefono funziona come un navigatore satellitare… Ti hanno rapito? Sei scappato ma ti sei perso? No problem, my friend! Con SURVIVALPHONE ti orienti a tutta manetta e ritorni a casa dalla mamma! Yeah boy!

MONTEZEMOLO: (sempre più allibito): Ma che c…

LAPO: Ma ora tieniti forte Lucky Luke… Mode 1 off / Mode 2 on… il telefono funziona come una mina anti-uomo… Ti è scappato l’ostaggio? Sai che non può essere andato lontano? No problem, my friend! Lo piazzi sul sentiero che porta alla libertà e l’ostaggio si spalma per tutto il campo base in pezzi piccoli così!

MONTEZEMOLO: (silenzio)…

LAPO: Che testa c’ho? Eh... Lucky Luke? Non fai più lo spiritoso adesso eh? Luca… mi stai ascoltando?

MONTEZEMOLO: (guardando la porta finestra da dove sta tornando Yaki) Cosa c’è, Yaki?

YAKI: (silenzio)…

LAPO: Urca… che faccia che hai…

MONTEZEMOLO: Yaki… va tutto bene?

YAKI: Credo che Gabetti non si senta bene… è fuori in giardino…

MONTEZEMOLO: Perché?

YAKI: Non lo so… stavamo parlando e lui non si è sentito tanto bene…

LAPO (voltandosi di scatto a fissare Yaki, con un’espressione preoccupata per davvero, una volta tanto nella vita) Yaki…

YAKI: Che dovevo fare?

LAPO: Yaki…

YAKI: Che dovevo fare?

LAPO: Merda… gliel’ha detto…

MONTEZEMOLO: Detto cosa? Di cosa state parlando?

BLANC: (bisbigliando all’orecchio di Cobolli) Che hanno detto?

COBOLLI: Non so… ma credo che siamo tutti nella merda…

BLANC: Ah… voilà...






Non pensavo di poter trovare così tanti compagni di viaggio in così poco tempo. Potrebbe anche non essere finita qui.


Hai visto mai, almeno una volta nella vita...




A DAY IN THE LIFE (The Beatles, 1967)



5 commenti:

Il Mago di Ios ha detto...

Assolutamente spettacolare!!

Ma Franzo Grande (amico di Guido Rossi) Stevens è rimasto zitto tutto il tempo?

trillo ha detto...

No, non ha potuto venire (dice Gigi all'inizio) ma vi saluta tanto tanto.

Il Mago di Ios ha detto...

Ero troppo sconvolto dalle risate e non avevo visto i saluti cari di Franzo Grande (amico di Guido Rossi) Stevens.

A prescindere, mi sembra che anche la "riunione informale" meriti la pubblicazione sul blod di lapin lapetto nostro.

Che ne dici?

Anonimo ha detto...

Ogni tanto la rileggo.
Assolutamente bellissima.....

ciao

Morig67

Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)