giovedì 29 gennaio 2009

Canta Tu.


Ieri, in attesa della fondamentale trasferta di Udine, per mantenere alta la concentrazione non si era parlato d'altro: l'inaugurazione del nuovo sito web di Gigi Buffon.
Quello che "La tua maglia dice chi sei" aveva anche impreziosito l'evento con una delle solite perle da Nuova Juventus Ripulita, quella che ride, patteggia e insieme alla borsa ti molla anche la vita:
"Sul mio nuovo sito mi piacerebbe ricevere una mail da Obama. Hi Buffon… - mi auguro che possa dire così, che mi stima - You are my favourite goalkeeper in the world." Questo mi piacerebbe per poter cominciare un dialogo, un rapporto con lui''.
Siccome la mia leggerissima avversione nei confronti delle sovraesposizioni un po' cazzare affonda le sue radici nella notte dei tempi, non si pensi male di queste poche righe dedicate al Seredovo, perché non è che poi vai a Udine e prendi la zuppa per colpa sua, ovvio.
Però sarebbe stato fico fico, per esempio, che almeno uno dei megafoni del pallone sempre pronti a sbertucciare il gol sbagliato o lo stop a "inseguire" di Tizio e Caio avesse fatto notare da dove era nato il gol annullato a Gilardino in Juve-Fiorentina, un gol per il quale i Della Valle Bros. hanno trascinato nell'indignazione profonda il sempre pacato Franco Zeffirelli e tutta la Firenze che veste Fay. Chi se lo ricorda, bene. Chi non se lo ricorda, se lo vada a rivedere.
Ieri sera probabilmente Buffon non ha aggiunto né tolto nulla alla prestazione raccapricciante dei suoi compagni, e poi i gol che incassa lui - si dice in giro - sono sempre e comunque imparabili. Però, se la tua maglia dice chi sei (visto che Del Piero era rimasto a casa e il mister conta solo quando sta sotto a nascondino), il tifoso si aspetta che nei momenti cruciali non gli si presenti davanti una squadra con le gomme sgonfie e lo sguardo vitreo, perché altrimenti il dubbio che certi elementi della vecchia guardia si assomiglino solo nell'ingaggio diventa quasi una certezza.
Come ha scritto Clau71 su Ju29ro.com lunedì scorso (QUI), i pro e i contro del fare cassa con l'eventuale cessione di Buffon sarebbero tanti, ma mentre per i primi si tratterebbe soprattutto di pailettes e lustrini, per i secondi si tratterebbe, più terra terra, di programmazione e tanti quattrini.

Insomma: se proprio Obama non dovesse farsi vivo, che ne direste di una telefonata di Mansour?


Clicca sul pulsante qui a lato per votare questo articolo

5 commenti:

Anonimo ha detto...

TRILLO, l'ambiguità di 3/4 mesi di dichiarazioni, conferme, smentite, malanni e "cicliche" influenze, finiranno per portare, le "ARMATE" ARABE alla conquista dei "RESTI" di ROMA ...

I problemi non verranno TANTO dalla volontà dei nostri "stanchi" ed acciaccati gladiatori, QUANTO dalle scelte "castranti" dei loro eterei "datori di lavoro".

"Lasciate ogni speranza" VOI che verrete, qui si va fra le TRADIZIONI disperse, qui si entra in uno STADIO dolente, qui si va verso un FUTURO PERDENTE !!!

Dai Versi PREMONITORI
di JUVENTINO INDOMITO

marco99 ha detto...

come hai detto tu la prestazione di mercoledi è stata raccapricciante

darko ha detto...

Da vendere... immediatly

Anonimo ha detto...

"Finalmente posso dire l''unica verita'' su quel 6 novembre 2004: non sono mai stato chiuso in uno spogliatoio da Moggi". Parole e musica di Gianluca Paparesta.

L''ex fischietto barese, coinvolto nello scandalo calciopoli, esce allo scoperto a pochissimi giorni dal Processo di Napoli. E le sue dichiarazioni potrebbero costringere i giudici a rivedere alcuni capi di imputazione. In particolare quel "sequestro di persona" vero perno delle accuse rivolte all''ex dg della Juventus Luciano Moggi. Nel programma de La7 Niente di personale, l''ex direttore di gara e'' stato lapisario: "Moggi e Giraudo entrarono agitati e si lamentarono del mio operato - ha spiegato Paparesta riferendosi a quanto accadde al termine della gara Reggina-Juventus, conclusasi con la vittoria per 2-1 dei calabresi - Nessuno pero'' mi ha chiuso dentro lo spogliatoio. Si sono solo lamentati in maniera decisa perche'' non avevo concesso loro un rigore e avevo annullato il gol del pareggio proprio un attimo prima del finale, cosa che per altro dimostra che non soffrivo certo di sudditanza. Poi se ne sono andati via e io ho solo sbagliato a non inserire nel referto di gara l''episodio".

Tutto chiarito dunque. Come potrebbero dimostrare anche altri testimoni: "Questa non e'' la mia versione, ma la realta'' - ha aggiunto l''ex arbitro - non ero solo, con me c''erano assistenti, quarto uomo e un osservatore. Se fosse accaduto qualcosa, qualcuno l''avrebbe segnalato".

faby ha detto...

sogno o son desto?
ho appena sentito il cantante affermare che la juve non è stanca "perchè come avrebbe potuto una squadra stanca SCHIACCIARE l'udinese nel secondo tempo"?
devo aver visto un'altra partita allora...
francamente non mi ne ero accorto di tanta supremazia, visto che non c'è stato un solo tiro (escluso il rigore) in 95 minuti verso la porta di handanovic...
forse dalla panchina si vede meglio che alla tv..