mercoledì 23 aprile 2008

Giùlemani dagli Ju29ri.



Era circa mezzanotte e mezza, quando ho sentito qualcuno avvicinarsi di corsa lungo il corridoio.
Con occhio semi-sbarrato e tono perentorio, mi ha esclamato: "Corri!".
Era mia moglie, e per un attimo ho temuto di arrivare nella camera di nostro figlio (5 anni) e trovarlo nudo con lo spinello in bocca e una birretta in mano. O di non trovarlo proprio.
Invece no. Era qualcosa di peggio. La ragione di quel richiamo mozzafiato era l'intervista in onda su La7 (Victory, condotto da Cristina Fantoni), dove monsieur Ah, voilà Jean Claude Blanc stava finendo di esporre la sua preziosa serie di eruzioni mentali.
Ha risposto a 5 domande postegli dallo scrittore (juventino) Sandro Veronesi. Purtroppo per me il richiamo della foresta (cioè mia moglie in versione Forrest Gump lanciata a tutta velocità per dare l'allarme sulla perla che stava andando in onda) è arrivato troppo tardi per consentirmi di assistere a tutte e cinque le risposte dell'extraterrestre transalpino.
A parte il fatto che non pensavo fosse ancora tanto indietro con la lingua italiana (visto che siede nel cda della Juventus da tre anni) e sarebbe buona norma farsi capire come si deve dai propri interlocutori, considerati il ruolo e lo stipendio. Chissà che sulla spinta dell'esito elettorale del 14 aprile scorso, incontrandolo per Torino Mario Borghezio non lo scambi per un extracomunitario e lo prenda a scapaccioni e ombrellate fino al confine. Sarebbero una bella coppia, non c'è che dire.
Ma comunque, tralasciando la pessima forma, che di sicuro non è causa di insonnia per questi dirigenti, nemmeno vi immaginate la sostanza, della risposta numero 5, con la quale Blanc ha chiuso l'intervista.
Sollecitato da Sandro Veronesi a dire "qualcosa di gobbo", Sanbittèr ha replicato - fissando la telecamera con sguardo simil-fiero alla NapoleTone - con queste parole: "Gli scudetti della Juve sono ventinove; e presto arriverà la terza stella".
Non so se qualche parente di Blanc stia per essere promosso capitano degli alpini (sarebbe l'unico modo - per lui - di festeggiare una terza stella), ma sugli scudetti proprio non ci siamo.
Eh no, caro Jean Claude, ma proprio no. Finché a parlare di scudetti era il presidente in versione binaria (cioè prima del definitivo soppravvento di Gigli su Cobolli), sapevamo quale valore precario potessero avere quelle uscite, a loro modo anche divertenti, talvolta.
Ma da un manager di livello internazionale, così etico e sportivo, designato dai resti della Famiglia a sedere - per purificarlo - sul trono insanguinato che appartenne al truffatore Antonio Giraudo, non si possono accettare simili attacchi al buon senso.
Ognuno ha avuto il tempo - e, nel caso di Blanc e dei suoi colleghi del gruppo TNT dirigenziale di Corso Galfer, anche la possibilità e il modo, quand'era il momento - di pensare e decidere quale strada e quale ruolo scegliere per il proprio futuro. E quali responsabilità accollarsi di conseguenza, una volta fatte quelle scelte senza ritorno. Ormai è tardi, non ci sono santi.
Oggi non è più il tempo di recitare la parte dei paladini delle ingiustizie, solo per cavalcare lo squallido entusiasmo di una parte di tifosi - così simili a voi, a mio modo di vedere - rinfrancati dalla quasi certa conquista del terzo posto in classifica; inebriati dalle scemenze, ripetute per mesi, sul valore di un'impresa resa tale solo dai guitti dell'informazione.
Se escludiamo la stagione '98/'99, quella del traumatico addio di Lippi a metà stagione con il reclutamento in corsa di Carlo Ancelotti, per trovare piazzamenti inferiori al terzo posto in classifica bisogna risalire al periodo giurassico del post Platini o a quello Trapattoniano pre Triade, separati dal sublime intermezzo del settimo posto - con annessa esclusione dalle coppe europee, per la prima volta nella storia bianconera - capitato, guarda caso, quando a gestire la baracca era appena arrivato Luca, l'Emetico di Maranello, in uno dei mille tentativi dell'Avvocato Agnelli di trovargli un impiego in grado di dare un senso alla sua esistenza.
Festeggino pure, dunque, i Coboys e i loro amici. Festeggino questo terzo posto che da patata bollita qualcuno vorrebbe trasformare in filetto, dando retta alle balle di chi - due anni fa - scelse di metterci tutti a pane e acqua.
Festeggino ma non parlino di scudetti e di terza stella, fingendo di sostenere le cose che GiùlemanidallaJuve sostiene da sempre, dannatamente sola insieme ai suoi associati.
Festeggino ma non parlino di scudetti e di terza stella, fingendo di sostenere le cose che lo Ju29ro Team sostiene da sempre, dannatamente solo insieme alla passione dei suoi membri.

Festeggino ma non parlino di scudetti e di terza stella. E soprattutto non diano i numeri.


5 commenti:

faby ha detto...

GRANDEEEEEE...so di non essere molto originale, ma è l'aggettivo che meglio possa fotografare questo tuo post (al pari degli altri, ovvio :-))...
l'arroganza di questa gente mi fa davvero venire il vomito...troppo facile adesso riempirsi la bocca con queste cazzate...caro monsieur roland garos per voi (e soltanto per voi) gli scudetti sono 27 e la terza stella con le capacità dirigenziali (sic!) che vi ritrovate è solo un miraggio nel deserto...
PER NOI (E SOLTANTO PER NOI, SE LO METTA BENE IN TESTA) SQUADRISTI SOBILLATORI, TIFOSI DI SERIE C GLI SCUDETTI SONO 29...

Scirea ha detto...

Che cazzo ci sia da festeggiare può saperlo solo Monsieur Roland Garros.
Se però i festeggiamenti portassero al loro trasloco fuori dal mio apparato riproduttore sarebbero -quasi- tollerati.
Saluti Trillo.

marco99 ha detto...

sono stati geniali però..
prima hanno fatto credere di avere tra le mani una squdretta spompata e inutile, hanno fatto credere che il 4 posto era un miraggio.
Cosi ora possono atteggiarsi da eroi per questo terzo posto che io considero il minimo sindacale per una squadra come la Juve.
non c'è che dire ci hanno saputo fare, ed un fetta consistente di bianconeri hanno abboccato

yannick75 ha detto...

:D
...non l'avevo mai visto così!

Fa troppo ridere quando scrocchia le dita! Ma è troppo uno sfigato...somiglia a Monnezzemolo!

Gli scudetti sono 29. Certo! Che aggiornasse il pullman della società: ne hanno disegnato qualcuno di meno.

yannick75 ha detto...

Riguardo ai deferimenti recenti, adesso anche i milanisti più facoltosi, nel rispetto dell'italica ipocrisia del beota medio, si stanno sciacquando la bocca con il nome della Juve e di Moggi, sfoggiando il più patetico vittimismo e rievocando le ardue battaglie del Meani che aveva il non semplice compito di adoperarsi per contrastare Moggiopoli.
Ammirevoli quando rievocano il filotto di trofei vinti lo scorso anno contro l'invidia (dei cugini insieme ai quali falsificano) e contro il 'potere' di Moggi (insieme al quale si sentivano vittima di un complotto organizzato dagli invidiosi).
Chissà...forse sperano di entrare in champions anche con un quinto posto...sempre se arrivano quinti.
Tra vincitori a tavolino e vincitori ripescati (cugini del falso) non so chi mi faccia più schifo a questo punto. Troppa ipocrisia.