lunedì 6 ottobre 2008

Messaggio subliminale.


Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni - Fuori dai coglioni.

Sì, anche quello che sta sempre al Casino (con l'accento sulla "o").


Clicca sul pulsante qui a lato per votare questo articolo

23 commenti:

Lego ha detto...

uè avvisatemi nel caso, chè il secondo da sinistra me lo vengo a prendere e lo porto a spalle alla Pinetina...

Anonimo ha detto...

QUOTO-QUOTO-QUOTO-QUOTO
QUOTO-QUOTO-QUOTO-QUOTO
QUOTO-QUOTO-QUOTO-QUOTO
QUOTO-QUOTO-QUOTO-QUOTO
QUOTO-QUOTO-QUOTO-QUOTO
QUOTO-QUOTO-QUOTO-QUOTO
QUOTO-QUOTO-QUOTO-QUOTO
QUOTO-QUOTO-QUOTO-QUOTO
QUOTO-QUOTO-QUOTO-QUOTO
QUOTO-QUOTO-QUOTO-QUOTO
QUOTO-QUOTO-QUOTO-QUOTO
QUOTO-QUOTO-QUOTO-QUOTO
QUOTO-QUOTO-QUOTO-QUOTO
QUOTO-QUOTO-QUOTO-QUOTO
QUOTO-QUOTO-QUOTO-QUOTO
QUOTO-QUOTO-QUOTO-QUOTO

Enrico il Sobillatore Gobbo

Anonimo ha detto...

LEGO

AMMAZZATI-AMMAZZATI-AMMAZZATI
AMMAZZATI-AMMAZZATI-AMMAZZATIAMMAZZATI-AMMAZZATI-AMMAZZATIAMMAZZATI-AMMAZZATI-AMMAZZATIAMMAZZATI-AMMAZZATI-AMMAZZATIAMMAZZATI-AMMAZZATI-AMMAZZATIAMMAZZATI-AMMAZZATI-AMMAZZATIAMMAZZATI-AMMAZZATI-AMMAZZATI !!!!

Enrico il Sobillatore Gobbo

andrealoca ha detto...

Il terzo da destra chi è?

Mario Incandenza ha detto...

Ciao, Trillo.

Devo dire che trovo il pezzo di oggi un po' troppo oscuro... non è facile decifrare i fili del tuo ragionamento...
Mi pare che il risultato sia quello di un messaggio un po' troppo sibillino..
Forse dovresti provare con asserzioni un po' più dirette...

Beh, ora ti saluto.
Vado a vedermi la registrazione del programma di Fabio Fazio di ieri sera. Mi hanno detto che col Tronchetto ci è andato giù duro. Pare che a un certo punto gli abbia pure intimato di non permettersi più di scoreggiargli sulla lingua. Teribbile.

Scirea ha detto...

per cortesia
potreste gentilmente - e quando vi aggrada- soppesare l'ipotesi anche solo momentanea di recarvi in altro loco che non si trovi insediato nelle vicinanze dei nostri organi riproduttivi.
Grazie.
Così ci si esprime.
Ineducati.
Saluti

Lego ha detto...

Enrico

no dai, lasciami restare ancora qualche annetto in questa valle di lacrime....

Anonimo ha detto...

Caro Trillo,
condivido il tuo sfogo. (tranne che per la presenza di Gigi nella foto !!!)
Ti consiglio di andare a guardare anche un’altra fotografia.
Vai sul sito ufficiale. Una volta entrato clicca su CLUB e poi su ORGANIGRAMMA.
Ecco quella!
Dopo di che, da un’occhiata per leggere chi sono i nostri dirigenti.
Ce ne fosse uno, dico uno, che capisca qualcosa di calcio.
Abbiamo esperti di economia (ok, giusto!), di liquidazioni (questo “sarebbe” un po’ meno giusto), di tennis, di pallavolo e di trasporto borse e fotocopie. Neppure un esperto di calcio!
Non voglio citare ancora Moggi, però in questa società manca proprio uno che di pallone ne capisce qualcosa.
1. Uno che capisca quali giocatori acquistare e non avalli tutte le scelte dell’allenatore senza discutere (perché non si è in grado di farlo). Abbiamo sbagliato la bellezza di 3 campagne acquisti.
2. Uno che sappia scegliere l’allenatore, e soprattutto sia in grado di giudicarne il lavoro
3. Ed infine che sappia anche tenere la squadra unita e lo spogliatoio chiuso. Certi spifferi di malumori etc. alla Juve non devono uscire, che poi il nuovo Tuttosport (che ha già assunto un colorito rosa pallido) non fa altro che riattizzare polemiche, che non sono mai utili.
Voglio un Presidente più silenzioso e un Direttore Sportivo con le p***e!

rob

Trillo ha detto...

A Lego su Enrico:
Ripeto quanto disse un mio amico qualche mese fa a un tuo compagno di tifo: "come cazzo avete fatto a fare 'sta vita per diciott'anni, che io la faccio da sei mesi e non ne posso già più"?

A Mario Incandenza:
è vero, ultimamente sono un po' troppo criptico.

Ad Andrealoca:
Come "chi è"? E' il mitico Damiano, allenatore in seconda (categoria, credo) di Ranieri.

Antonio ha detto...

x Rob. Bellissimo il punto 2. Un punto che la Juve ha sempre rispettato come minimo dall'anno Domini 1970 in poi con una sola parentesi di un anno. Si, proprio l'anno del "cordero" presidente, quello fuori dall'Europa.
Domanda: Ma ieri dalla curva bianconera mi pare non aver sentito alcun coro di dissenso. O Sky abbassa l'audio degli spalti?

Cirdan ha detto...

Nella dodicesima riga cosa hai scritto?

Lego ha detto...

trillo

il fatto è che noi nerassurii amiamo la "pazza Inter", voi eravate abituati troppo bene...

scherzi a parte, ho (ahinè) l'età per ricordare la juve di marchesi, con in campo magrin con il numero 10..o l'anno di maifredi, o anche quelli di zoff..non eravate mica messi meglio di ora.

cobollo o non cobollo..

Scirea ha detto...

Lego
non provarci nemmeno.
alle spalle di quelle squadre c'erano -SEMPRE E COMUNQUE PRESENTI- i 2 signori Agnelli.
Quelli veri.
Quelli che gente come Cogliolli non l'avrebbero messo nemmeno a pulire i cessi di Termini Imerese.
Lascia perdere.

Effegei ha detto...

Lego,tu ti ricordi anche la juve di CombiRosettaCalligaris se è per questo..

Ciò premesso,questa giuve non ha un centesimo della dignità della Juve di Zoff.Assomiglia più a quella di Maifredi

faby ha detto...

signori vedo che alcuni di voi mi hanno anticipato nel chiedere al mitico trillo, cosa mai avrà voluto dire col messasggio di oggi... io non l'ho ancora ben chiaro.. :-).
cmq se proprio volete farvi due risate, andate a leggere le dichiarazioni sulla partita di ieri (che per fortuna non ho visto, avendo "ben altro" da fare) del grande esperto calciofilo del presidente binario... :-)

Lego ha detto...

Scirea

per caso gli stessi Agnelli che ci misero Montezemolo e Bendoni...???


effegei
mi ricordo anche la cremonese di Tentoni e Albiero Chiorri, se per questo...

Trillo ha detto...

Lego:
erano altri tempi, quelli là, in tutti i sensi.
Non per niente un bel giorno il fratello meno naif dei due decise che di buttare miliardi nel cesso era ora di smetterla. E chiamò alle armi Giraudo, il quale chiese semplicemente: "Siccome a far di conto sono capace io, per quanto riguarda l'aspetto tecnico chi è il migliore d.s. possibile nell'attuale panorama italico?"; e, manco a dirlo, arrivò il mafioso Luciano, capo della Cupola rimasta incredibilmente senza cupola.
E poi Zoff, se permetti, nello stesso anno vinse una coppa UEFA e una coppa Italia (quest'ultima contro il Milan mondiale dell'eiaculatore precoce, tra l'altro, mica contro la Roma o la Samdporia)con una squadra che, sul piano tecnico, faceva abbastanza ribrezzo.

Anonimo ha detto...

per Lego: anch'io(purtroppo)ricordo la Juve di Marchesi, ma almeno quella era alla fine di un ciclo mentre oggi(anzi da due anni) c'è il nulla assoluto. Caro Trillo mi associo al tuo proclama. Un saluto da Fulvio.

Ju29ro Team ha detto...

Si parla tanto di Maifredi, ma vorrei ricordare che perlomeno il girone di andata fu decoroso (secondo o terzo posto), se si esclude la disfatta in Supercoppa.
Qui il Cantante è già alla canna del gas ai primi di ottobre...

Trillo ha detto...

Grazie per l'assist, caro team. :-)
In effetti la Juve di Maifredi riuscì nell'impresa spettacolare di rimanere fuori dalle Coppe dopo trent'anni, ma all'inizio del girone di ritorno in campionato era seconda dietro alla Samp, dopo avere schiantato a suon di gol, all'andata, l'Inter del Trap e dei tedeschi (4 pere) e la Roma (5 pere), tanto per dirne due.
Poi, a febbraio mi pare, arrivò a Genova per lo scontro diretto, Galia fece rigore su un blucerchiato che non ricordo più chi fosse (rincorrendolo da metà campo per finire col segarlo in due una volta entrato in area).
Finì 1-0 per loro, e da lì iniziò una caduta verticale e inarrestabile, interrotta solo dall'intermezzo dolce-amaro della semifinale di coppa delle Coppe col Barcellona (1-3 in Spagna, 1-0 a Torino) persa anche grazie a una discreta dose di sfiga.
Dal punto di vista dell'affluenza, fu la serata più bella di tutta l'esistenza dello Stadio delle Alpi (un altro bel ricordo dell'Emetico di Maranello che organizzò i mondiali di Italia '90), con una cornice di pubblico che mai più si sarebbe rivista fino al definitivo abbandono giunto in concomitanza con la farsa del 2006.
C'ero anche quella volta. I "chissenefrega" sono ben accetti. ;-)

Nemo ha detto...

I nodi cominciano a venire al pettine.
La squadra del primo tempo è un antipasto della Juve che sarà senza i "moggiani" in campo con i giovani "Ronaldinho" fatti in casa (sganasciatevi pure: è il minimo, e senza offesa per Giovinco, il cui male è proprio fargli credere di essere ciò che non è) e con un Buffon a mezzo servizio (stava male - che è come avere un portiere normale). Occorre chiedersi il perchè di tutto questo. Non sarà che forse occorre "soprattutto" lo stadio di proprietà, ed una squadra che "comunque", anche faticando (e mungendo e sprememdo i vecchi fino alla loro ultima goccia) riesca ad arrivare in champions (proprio come questa) per poterla vendere al meglio???
Il paragone Ranieri -Marchesi ci sta tutto. Purtroppo. Senza offesa dei suddetti, che rimangono buoni allenatori, ma per squadre di seconda fascia. Appunto come evidentemente "deve" essere la Juventus sino alla sua vendita.
Non sono certo che ciò sia vero, ma è (come si dice oggi?) "una chiave di lettura" per spiegare l'inspiegabile: come diventare noi l'inter di prima del 2006. A differenza che lì c'era Paperone e qui ... no.
Meditate gente meditate.
Nemo

marco99 ha detto...

concordo in pieno con questa tua anlisi!!

Masino ha detto...

Scusa Trillo non ho capito bene, puoi ripetere? Ma come puoi sperare che questi qua' seguino il tuo consiglio? Questi hanno appena cominciato, immagina, ahime', quante ne combineranno. Lo smilzo mi ricorda un mio conoscente che non era mai andato allo stadio, una volta si uni' alla nostra comitiva e venne, per puro caso il suo posto era accanto al mio, comincio' la partita e dopo cinque minuti mi chiese: "scusa ma chi e' quello che e' vestito di nero?" Lo smilzo che volle ricomiciare dal basso, piu' basso di cosi'!!!