martedì 19 febbraio 2008

E allora perché?


Visto quanto afferma il Mimo nel filmato del post qui sotto, domandiamo:

Perché l'avvocato con la faccia da banconota da 1000 lire dice che "le carte ci condannavano alla serie C"? Si riferisce forse alle carte della Maga Clara?

Perché l'avvocato con la faccia da banconota da 1000 lire non ci esibisce quelle dannate carte una volta per tutte, così fa un figurone e ci tappa la bocca in un sol colpo?

Perché avete pagato all'avvocato con la faccia da banconota da 1000 lire, per il disturbo di non difenderci, la modica cifra di 504mila euro?

Perché Boniperti, intervenendo all'assemblea degli azionisti, confermò che le carte ci condannavano alla serie C - lui che pensa di di essere il più juventino del mondo - prendendo in giro tutti (per ignoranza o malafede, ma che importa)?

Perché non uno dei giocatori, sempre osannati per le più banali cretinate, tipo baciare la maglia o parlare con gli uccelli o volare a caccia di palloni in mezzo ai furgoncini, ha mai detto mezza parola per denunciare questo schifo?

Perché non avete mai detto mezza parola contro chi ci accusa, ci infanga, ci sputtana, ci sbeffeggia senza soluzione di continuità, continuando il lavoro iniziato nel 2006 da Guido Rossi con l'unico obiettivo di marchiare la Juventus come ladra e i suoi successi come fasulli per sempre?

Perché non avete mai detto mezza parola per difendere l'operato di chi quei successi li rese possibili, come se si trattasse di vermi con la peste da non poter toccare più nemmeno attraverso una telefonata, come non succede manco ai mafiosi accusati di strage?

Perché avete lasciato che una delle figure più significative della storia bianconera (Roberto Bettega) scomparisse dalla scena senza nemmeno provare a trattenerlo, proprio quando la sua competenza e la sua esperienza avrebbero fatto comodo al rilancio di una squadra sfasciata da quella che voi stessi definite un'ingiustizia?

Perché avete lasciato che un manager serio e capace come Antonio Giraudo venisse trascinato dentro a quelle accuse farneticanti, chiaramente con il solo scopo di rendere possibile l'omicidio della Juventus, bruciandolo come un pivellino qualunque?

Perché infangate la memoria dell'Avvocato Agnelli continuando a sostenere che sarebbe orgoglioso di questa Juve, quando sapete benissimo che questa Juve è il frutto di un'ingiustizia che uno come lui non avrebbe mai permesso?

Perché definite "rancorosi" quei tifosi che non vi perdonano queste scelte, insieme a tante altre, quando siete voi stessi - in un momento di ingenua sincerità che non si capisce se sia scemenza o provocazione - ad ammettere che le cose, in effetti, stanno come diciamo noi?

Perché, se le cose stanno come diciamo noi, lo avete negato ad oltranza per mesi e mesi, per poi venirvene fuori a tempo scaduto con la novità che sì, a conti fatti, le cose stanno davvero come diciamo noi?

Ma come cazzo state? Ma quando ve ne andate?

5 commenti:

Anonimo ha detto...

caro trillo, faccio l'avvocato anche io (da 5 anni) e ti posso assicurare che per quella cifra, ma anche molto meno, attesa la mia febbre bianconera che non mi abbandona da quando sono nato, sarei arrivato finanche dinanzi alla corte suprema degli stati uniti (per fare un esempio) pur di torvare un giudice dveramente disposto a fare luce sulla farsa.

Anonimo ha detto...

Purtroppo per quella cifra il perfido Zaccone si è prestato anche lui alla farsa.
Max

Scirea ha detto...

Andatevene da soli.
Prima che vi prenda io.
Maledetti.

Anonimo ha detto...

Scusa, senza offesa, ma ancora con queste domande? Ma non hai capito? Te le do io le risposte ai tuoi quesiti: perchè tutto quello che è stato fatto è stato dettato da Montezemolo, pedinamento e sputtanamento di Lapo elkann compreso, per far fuori i legittimi Agnelli e tutti gli uomini di fiducia. Ha chiesto aiuto a tronchetti provera ed oplà, ora si trova a capo della Fiat, la più grande industria italiana. Altro che juve, la juve è stato solo il mezzo per arrivare al bottino grosso. Finiamola di prendercela con Zaccone, l'avvocato fa sempre quello che gli dice di fare il suo cliente e non viceversa.
ciao.
Gianni

Trillo ha detto...

Forse mi sono spiegato male.
A parte che le mie sono domande retoriche, perché se dopo avere passato il tempo che ho passato a studiarmi la farsa non avessi ancora capito bene come sono andate certe cose, sarei da internare.
Io non me la prendo con Zaccone, io me la prendo con il cliente di Zaccone, mi pareva chiaro.
L'unico caso in cui me la prendo con Zaccone, è quello in cui viene a dirci in assemblea, in un'assemblea dei soci di una SpA quotata in borsa, che c'erano ALMENO QUATTRO ILLECITI e che quindi le carte ci condannavano alla serie C.
Che ci mostri quelle carte, allora. Ma siccome quelle carte non esistono - e lui lo sa, quindi mente sapendo di mentire - lui manca di rispetto alla mia (alla nostra) persona e alla nostra intelligenza di uomini.
Questo non lo accetto da nessuno, che sia un avvocato, un presidente degli USA o un venditore di aspirapolvere.
Le mie domande retoriche, e potrei aggiungerne altre mille, servono a svegliare i coglioni sedicenti tifosi juventini che ritengono di dovere voltare pagina senza recriminare, spesso sostenendo che la nostra condanna è stata giusta ed inevitabile.