venerdì 18 gennaio 2008

Equità.


Il pregiudicato (a sinistra) posa davanti ai fotografi con il tipico sguardo fiero di chi chi scoreggia a tavola e rifila immediatamente un ceffone al bambino che gli sta seduto accanto intimandogli di non farlo più. Lo sguardo di chi non ha nulla da rimproverarsi ma tutto da rimproverare, insomma.
Insieme a lui nella foto, il neo acquisto interista Maniche (al centro) e il nulla (a destra).
Il centrocampista portoghese è stato premiato con un telefonino d'oro (marchiato Tiger Tim) come cinquecentesimo straniero acquistato dal petroliere ecologista da quando è presidente degli Onesti.
Questo quadretto, talmente bello che bisognerebbe mostrarlo nelle scuole guida (dove le patenti al limite si comprano, ma non si falsificano), mi ha ricordato la fine del 2006, quando un Ponzio Pelato ancora squalificato per effetto delle sentenze di Calciopoli, batteva indisturbato le strade di mezza Europa per trattare l'ingaggio di Ciccio Bombo Ronaldo, l'ex calciatore che dopo sei mesi di Milan Lab ha perso tre etti, si stira anche solo mettendo in moto la Lambretta, e se chiedi conto a Ponzio di questi insuccessi della Lourdes di Milanello per atleti acciaccati, lui diventa paonazzo, ti minaccia di raccontarlo al Capo così tu hai finito per sempre di lavorare, e se ne va via senza salutare, portandosi pure a casa il pallone che ovviamente era il suo.
Oltre al silenzio mediatico sui vizietti contabili del calcio italiano, stride con l'idea di onestà intellettuale questo atteggiamento di totale indifferenza dell'informazione nei confronti di chiunque non sia stato il Direttore della Juventus con il cognome che cominci per "M" e finisca con "oggi".
Praticamente, un dirigente che si adoperò per consentire alla propria società l'utilizzo illecito di un calciatore (riuscendoci), anziché determinarne la pesante penalizzazione prevista dal regolamento, se la cava con qualche mese di squalifica solo per sè, dicendo che ha agito da solo come un Meani o un Tavaroli ante litteram. Che roba questi dirigenti delle società oneste, sempre così intraprendenti ma mai su ordinazione.
La stampa, tutta, liquida la vicenda con un freddo trafiletto, giusto per mettersi a posto la coscienza. Laggiù in fondo, a pagina 128, ovviamente, come fosse la notizia di una coppia che è arrivata in ospedale incastrata sottosopra per colpa di un gioco erotico troppo ardito.
Un altro dirigente che, nello status di amministratore delegato e vice presidente squalificato, porta avanti fino a concluderle trattative di mercato per conto della propria squadra, esercitando un diritto che in quei mesi gli sarebbe negato dalla squalifica stessa, ma viene ignorato totalmente dai giudici sportivi e addirittura osannato dalla stampa per il gran colpo messo a segno in barba alla concorrenza.
Un ex dirigente squalificato come i precedenti, ma dimissionario da oltre due anni, telefona ad alcuni suoi ex colleghi - in ogni caso suoi amici, oggi esattamente come ieri - per parlare dei fatti suoi, ed un intero paese, dopo averne letto i testi, ovviamente pubblicati dai giornali con tanto di numeri di telefono e indirizzi, a reti unificate annuncia inorridito: Moggi continua a tramare nell'ombra: Calciopoli 2!
Di fronte ad uno scenario del genere, capisco bene perché chiedendo lumi alle redazioni dei giornali, quasi mai si ottengono risposte.

Cosa mai potrebbero rispondere?

8 commenti:

Ale ha detto...

Trillo
ti prego di parlare nei prossimi editoriali di roubasienne o al limite pesca con le boilies o con il ver de vase.
Il mio fegato te ne sarebbe eternamente grato.
Grazie ;O)))

Trillo ha detto...

Io pesco con la mosca, quindi non sarei in grado di parlare di carpe grasse e gonfie di fango. :-))
Quindi, mi sa che dovrò continuare con la Farsa...

Ale ha detto...

Ok
ordinerò 2 litri di amaro medicinale giuliani....
saluti
;O))

dominiobianconero ha detto...

Caro Trillo,
se peschi con la mosca attento.........
La mosca si sa e'sempre vicina alla merda.
Potresti trovarti all'amo un Guido Rossi o un Merdatti.
Oppure, apoteosi del kulo, LCDM....

Massimo D'Azeglio ha detto...

Nel mare inquinato di Farsopoli/FIGC/Coni, se peschi con la mosca o con le boilies oppure con il ver de vase, la probabilità di prendere un pezzo di merda è molto alta per non dire certa.

Mino46 ha detto...

Allora cè il pericolo di pescare moratti o rossi con tutta la loro compagnia di guitti!

Lego ha detto...

il "nulla" a destraè quello che ha preso Cambiasso gratis, Maxwell gratis, Dacourt gratis, Maicon a 6 milioni di euro.

insomma, tra tutti e quattro sono costati meno del 50% di Criscito.

poi vedi tu, veh....

Trillo ha detto...

Infatti, caro lettore presumibilmente affascinato dalla squadra di Onestopoli, sfondi una porta aperta, con me, evidenziando la totale demenza degli attuali condottieri di Corso Galileo Ferraris (che sarebbe la nostra Via Durini, oggi anche nel quantitativo di materia grigia presente, rispetto al passato).
C'è una bella differenza rispetto a quando scambiavate Cannavaro con Carini, perché da noi c'era un signore che comprava Zidane per 7 miliardi e lo rivendeva per 150.
Certo che quando lotti contro nessuno (in campo e fuori), anche se sei il nulla, finisci per assomigliare a qualcosa.
Altro che Criscito, ma va là...