mercoledì 10 ottobre 2007

Giustizia è fatta.


Caro telecronista senza senso,
non ho avuto l'onore di ascoltare i rigurgiti verbali con i quali domenica scorsa ha imbrattato il tappeto di tanti juventini.
Ho ricevuto una e-mail da un caro, carissimo amico: è papà di due bambine, è una persona che di sicuro non lancerebbe uno scooter giù per le gradinate di uno stadio, né si sognerebbe di entrare in campo la sera di un derby de noantri per dire al capitano semianalfabeta della propria squadra del cuore "ahò ahò ahò nun se deve giocà sinnò se spacca tutto succede na guera civile che iè mettemo a fero e foco tutta 'a Capitale che gli sbiri anfàmi hanno ammazzato un regazzì ahò ahò ahò!". Partita immediatamente sospesa, per la cronaca.
E' una persona perbene (come dice l'uomo nel bagagliaio parlando del signor Afef, solo che il mio caro amico lo è sul serio), mi scrive che da tre giorni gli girano le palle per la vergognosa faziosità con la quale quella sottospecie di pennivendolo da teleschermo (cioè lei, nella foto) ha commentato la partita della Juve contro la Fiorentina.
Non entro nel merito della vicenda, gente come lei non lo merita. Però le faccio un regalo, un regalone davvero: si riguardi il filmatino qui sotto. Era Bologna-Juve. Mancava una manciata di secondi alla fine dell'ultimo minuto di recupero, la Juve era sotto 2-1, Camoranesi la stampò in rete e un Bettega IMMENSO prese per il culo l'intera tribuna dello stadio bolognese, dopo due ore di insulti irripetibili ricevuti dal civile popolo del tortellino e di Gazzoni.
Il telecronista era proprio lei, e credo che l'acido che le ristagna ancora nello stomaco sia un residuo di quella volta là.

Se la riguardi. Io non smetterei mai di farlo: godo ancora come un tacchino americano dopo aver scampato il Giorno del Ringraziamento.



1 commento:

gian ha detto...

ciao trillo

tanto per rimanere in tema fatti un giro sul sito di sky c'è ne sono molti di incazzati.....

gian